Search result: Bollettino Ufficiale della Prefettura di Trento

Number of results: 237832

Sort by:

Filter by:
Media type
Name
Date of publication
Time of pubblication
Year of publication
Place of publication
Author
Publisher
Category
Language
Location
Person
Organization
No. Preview about the work Date/details
01 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/353736/353736_50_object_4617742.png

Guida del Museo del Risorgimento Trentino

Author: DeManincòr, Giuseppe ; Museo Trentino del Risorgimento e della Lotta per la Libertà / Giuseppe De Manicor
Publication year:1930
Place of publication:Trento
Publisher:Arti Grafiche Scotoni
Physical description:190 S. : Ill., Kt.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:c.Trient / Museo Trentino del Risorgimento e della Lotta per la Libertà;f.Führer
Category: Geschichte
Notation:11 Gesch 4 Tir 19/20 O<br>23 Tir 2 T 19/20 O
Location mark:I 214.635
IDN:353736
Notations:-

Hits:Page 50
Snippet:
to Adige», «Studi Trentini», «Gazzetta ufficiale di Trento» 1819-1850; 1857-1893), «La Gazzetta di Ve nezia» (1848-49), «La Gazzetta del Tirolo Italiano» (1852-1856), «Il Messaggere Tirolese» (1840-1871), «Il Risorgimento» (1850-51), «La Croce oi Savoia» (1850-51), «Lo Statuto» (1850-51), «Il Corriere della Sera» (1915-18), «La Patria» (1915-18), «Il Risveglio Tridentino» (1915 : 1917), «Il Risveglio austriaco» (1917-1918), «Bollettino sanitario austriaco» (1915), «L'Indicatore di Polizia

» (1908-1918), «La Libertà» e altri giornali trentini usciti nel Regno dal 1915 al 1918; tutti i giornali poi usciti a Trento nei primi anni del dopoguerra; una raccolta di numeri stac cati di giornali e di riviste italiane e straniere con articoli che interessano la storia del Trentino ne gli ultimi cent'anni, quali: «La Lettura», «L'Illu strazione Italiana», «Il Secolo illustrato», «La guer ra illustrata», «Interessantes Blatt», «Wiener Bil der», ecc. In apposite cartelle sono custoditi documenti
1930
Animated view View list View tiles
02 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/237750/237750_158_object_5275054.png

XX annuale dello Statuto speciale di autonomia : 16. 2. 1948 - 26. 2. 1968

Author:
Publication year:1968
Place of publication:Trento
Publisher:Pres. della Giunta, Ufficio Stampa
Physical description:getr. Zählung : Ill.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:g.Trentino-Südtirol ; s.Autonomie ; z.Geschichte 1948-1968
Category: Recht, Politik
Notation:13 Plt - Tir 20<br />23 Tir 8 - - 20
Location mark:III 7.517
IDN:237750
Notations:Aus: Aggiornamenti ; 1968, Suppl. 1-3. - Enth.: XX annuale dello Statuto speciale di autonomia. - 1966 - 1968: Risposta ad una alluvione. - Oggi più domani. Resoconto. Destinazione avvenire;

Hits:Page 158
Snippet:
la riapprovazione - l’impugnazione dinanzi alla Corte Costituzionale come lo Sta tuto prevede per le leggi che, bocciate in sede governativa, siano riapprovate senza mo dificazioni dal Consiglio. Con sentenza n. 184 dei 10 luglio, pubblicata tre giorni dopo dalla Gazzetta Ufficiale, la Corte dichiarava non fondata la questione di legittimità costituzionale proposta dalla Pre sidenza del Consiglio dei Ministri, avvalo rando pienamente l’interpretazione regionale del disposto dell'art. 81 della Costituzione

le leggi della regione ritoriali e demografiche ed abbiano capacità finanziarie sufficienti ad inserirle nell'organiz zazione comprensoriale in condizioni da assol vere i compiti sempre più impegnativi ed ampi che alle stesse amministrazioni spettano. Legge regionale 23.7.1968, n. 14 - « Ulteriore autorizzazione di spesa per la costruzione del l’edificio sede del corpo permanente dei vi gili del fuoco di Bolzano». Approvata dalla Giunta regionale il 28.7.1967. Approvata dalla commissione

legislativa com petente il 21.9.1967. Approvata dal Consiglio regionale il 10.10.1967. Rinviata dal Governo il 15.11.1967. Riapprovala dalla commissione legislativa il 30.11.1967. Riapprovata dal Consiglio regionale il 7.12.1967. Impugnata dal Governo il 20.12.1967. Convalidata dalla Corte Costituzionale il 10.7.1968. La legge autorizza l'assunzione di un mutuo di 370 milioni per completare il finanziamento occorrente alla costruzione della nuova sede del corpo permanente dei vigili del fuoco di Bolzano

, che sorgerà in via Fago con una spesa complessiva di 600 milioni, escluso il terreno. La singolarità di questa legge è data dalla divergente interpretazione da parte della Re gione e del Governo centrale, dell'art. 81 della Costituzione; il Consiglio regionale aveva indicato la copertura degli oneri deri vanti dal mutuo attraverso l'utilizzazione di disponibilità derivanti da riduzione o ces sazione di spese; mentre il Governo riteneva questa formula non efficace. Di qui il rinvio e - dopo

. Legge regionale 27.7.1968, n. 15 - «Autoriz zazione di un limite di impegno di lire 10 mi lioni per la concessione di contributi a sensi della legge regionale 27.2.1964, n. 15 conte nente agevolazioni creditizie per la costru zione di magazzini commerciali ».
1968
Animated view View list View tiles
03 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/237750/237750_187_object_5275083.png

XX annuale dello Statuto speciale di autonomia : 16. 2. 1948 - 26. 2. 1968

Author:
Publication year:1968
Place of publication:Trento
Publisher:Pres. della Giunta, Ufficio Stampa
Physical description:getr. Zählung : Ill.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:g.Trentino-Südtirol ; s.Autonomie ; z.Geschichte 1948-1968
Category: Recht, Politik
Notation:13 Plt - Tir 20<br />23 Tir 8 - - 20
Location mark:III 7.517
IDN:237750
Notations:Aus: Aggiornamenti ; 1968, Suppl. 1-3. - Enth.: XX annuale dello Statuto speciale di autonomia. - 1966 - 1968: Risposta ad una alluvione. - Oggi più domani. Resoconto. Destinazione avvenire;

Hits:Page 187
Snippet:
ogni anno di diecine di piccoli interventi che valgono però a sottrarre all’ingiuria - talora irreparabile - del tempo pale d’altare, quadri, edifici storici o carat teristici, monumenti. E si tratta dei 15 milioni che un’ap posita legge ha stanziato per dotare tutte le piste di sci della Regione della segnaletica ufficiale, secondo le norme che la federazione italiana sport invernali ha dettato, in armonia con quelle riconosciute in campo in ternazionale. Grazie a questa legge quando la sta gione

della Regione. Potremo, a questo proposito, inoltrarci in lunghe illustrazioni per ricordare come le stesse riforme di struttura - nell'agricoltura e nell’industria per dire dei settori più vistosamente, in mutazione avvengano in un quadro di programmazione che prende le mosse dai piani urbanistici provin ciali: nei quali la tutela del paesag gio, la conservazione dell’ambiente, la creazione dei parchi, costituiscono meditate scelte operate affinché, an che domani, non sia perduto quel che da sempre

ha caratterizzato la nostra terra. Ci limiteremo invece a citare due stanziamenti, del bilancio regionale, esigui nella loro consistenza, ma si gnificativi, ci pare proprio di un ope rare che onora e conserva il patri monio della tradizione mentre, con temporaneamente, sopravanza in un determinato settore tutte le altre re gioni italiane. Ci riferiamo ai 10 milioni annui che l’assessorato per i lavori pubblici de stina - in accordo con la sovrinten denza alle Belle Arti ed ai Monu menti - ai restauri; si tratta
1968
Animated view View list View tiles
04 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/237750/237750_45_object_5274941.png

XX annuale dello Statuto speciale di autonomia : 16. 2. 1948 - 26. 2. 1968

Author:
Publication year:1968
Place of publication:Trento
Publisher:Pres. della Giunta, Ufficio Stampa
Physical description:getr. Zählung : Ill.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:g.Trentino-Südtirol ; s.Autonomie ; z.Geschichte 1948-1968
Category: Recht, Politik
Notation:13 Plt - Tir 20<br />23 Tir 8 - - 20
Location mark:III 7.517
IDN:237750
Notations:Aus: Aggiornamenti ; 1968, Suppl. 1-3. - Enth.: XX annuale dello Statuto speciale di autonomia. - 1966 - 1968: Risposta ad una alluvione. - Oggi più domani. Resoconto. Destinazione avvenire;

Hits:Page 45
Snippet:
mava la richiesta delle consultazioni dirette. La disputa registrò anche un episodio clamoroso, quando, nel dicem bre, trecento contadini convenuti da ogni parte della provincia, inscenarono una clamorosa dimostrazione dinanzi alla Prefettura di Bolzano, penetrando anche - senza molti riguardi - all'in terno del palazzo per esprimere la loro protesta contro le negate consultazioni. Poco dopo il Ministro Gruber, di ritor no da Londra, potè dare assicurazione al presidente del SVP, Erich Amonn

, tuttavia, dovremmo accet tare la soluzione voluta dal Governo italiano, cioè la unione delle due pro vince di Bolzano e di Trento in un'uni ca Regione. Il Governo italiano non po trebbe ormai rinunciarvi, essendo nella nuova Costituzione prevista un'unica Regione Trentino-Alto Adige. Alla mia obiezione che allora la Costituzione italiana sia in contrasto con l'impegno internazionale assunto nell'accordo di Parigi, Mr. Hankey rispose essere inu tile dilungarsi sopra. Il testo della Co stituzione è fatto

« 75 » di Ruini, alla quale erano stati rimessi, per l’esame, gli abbozzi di statuto spe ciale per le varie Regioni. La sottocom missione dei 18, presieduta dall’on. Pc- rassi, aveva l’incarico particolare di esaminare lo Statuto del Trentino-Alto Adige. Della commissione Perassi face va parte Ton. Elsa Conci ; ai lavori par tecipavano anche, sia pure senza dirit to al voto, i deputati trentini alla Co stituente, on. Luigi Carbonari e on. Da nilo Paris. All’inizio del 1948 Erich Amonn ed il dott

. von Guggenberg, si recarono a- Vienna, per un ultimo contatto col Mi nistro Gruber, onde sapere su quali ap poggi da parte dell’Austria si sarebbe potuto contare nelle trattative a Roma. Le settimane che seguirono furono quelle veramente decisive per la for mazione dello Statuto speciale di au tonomia; viva ed intensa fu la parteci pazione dei rappresentanti della popo lazione di lingua tedesca alla elabora zione delle norme del progetto ed im pegnata la loro fatica di studio, di con tatto, di convincimento

, di persuasione nei confronti degli esponenti della Commissione e di quanti potessero es sere di aiuto al loro impegno. Il consigliere regionale am. Raff einer, assessore effettivo della Giunta in ca rica, senatore per due legislature per il collegio di Bressanone, fu tra i prota gonisti di quelle giornate e di quelle trattative; ne tenne un diario del qua le ci ha consentito di pubblicare - per la prima volta in Italia - alcuni brani; affinché, in questo ventennale, fosse possibile dare più esatta misura
1968
Animated view View list View tiles
05 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/88920/88920_16_object_5249032.png

Statuto speciale per il Trentino e Alto Adige : [legge costituzionale 26 febbraio 1948, n.5, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 62 del 13 marzo 1948].- (Pubblicazioni della Commissione Tecnica di Attuazione dell'Autonomia Regionale ; 2)

Author: Democrazia Cristiana / Commissione Tecnica di Attuazione dell'Autonomia Regionale
Publication year:1948
Place of publication:Trento
Publisher:Scuola Tip. Artigianelli
Physical description:15 S.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:g.Trentino-Südtirol ; s.Autonomie ; s.Recht ; z.Geschichte 1948 ; f.Quelle
Category: Recht, Politik
Notation:13 Ör 1 Tir - Q<br />23 Tir 8 - ST - Q
Location mark:II 137.314
IDN:88920
Notations:-

Hits:Page 16
Snippet:
primo numero del Bollettino Ufji riale della Repubblica. La presente legge, munita del sigillo delio Staio, sarà inserta nella Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica Halb»mi 1” l'atto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla, osservare, come legge dello Stato. Data a Roma, addì 25 febbraio 1948. DE NICOLA DE GASPEHI IANDESBIBUOTHEK • : Dr. Fr. Tessmann” Bozen

legislativo, di cui al precedente comma. Art. 94. — I Prefetti delle provincie di Trento e Bolzano restano in carica, con le attuali funzioni, fino alla/ costituzione della Giunta regionale e di quelle provinciali. Art. 95. — Con decreto legislativo saranno emanate le norme di attuazione della presente legge. Art. -— La, traduzione in lingua tedesca della presente legge costituzio nale concernente lo Statuto speciale della Regione Trentino-Alto Adige (.■'iivu- tino-TiroIerEtschland ») sarà pubblicata nel

Art. 89 — Ferma la disposizione contenuta nell’articolo precedente, ie nor me del titolo VI e quelle dell’articolo 10 possono essere modificate cori legge or dinaria dello Stato su concorde richiesta del Governo e della, Regione. La disposizione, di cui agli articoli 23 e 43, relativa al cambiamento bien nale del Presidente del Consiglio regionale e di quello del Consiglio provincia le di Bolzano, può essere modificava con legge dello Stato alle condizioni pre viste! nel comma precedente. Art

attribuite alla competenza della Regione o della Provincia, fino a quando non sia diversamente disposto con leggi regionali n provinciali, si applicano le leggi dello Stato. Art. 93. — Con decreto legislativo, da emanarsi entro sei mesi dall’entrata in vigore del presente Statuto, saranno stabilite le norme per la eiezione e la convocazione, da parte del Governo, del primo Consiglio regionale e dei primi Consigli provinciali. La prima elezione avrà luogo entro tre mesi dalla pubblicazione del decreto
1948
Animated view View list View tiles
06 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/237750/237750_47_object_5274943.png

XX annuale dello Statuto speciale di autonomia : 16. 2. 1948 - 26. 2. 1968

Author:
Publication year:1968
Place of publication:Trento
Publisher:Pres. della Giunta, Ufficio Stampa
Physical description:getr. Zählung : Ill.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:g.Trentino-Südtirol ; s.Autonomie ; z.Geschichte 1948-1968
Category: Recht, Politik
Notation:13 Plt - Tir 20<br />23 Tir 8 - - 20
Location mark:III 7.517
IDN:237750
Notations:Aus: Aggiornamenti ; 1968, Suppl. 1-3. - Enth.: XX annuale dello Statuto speciale di autonomia. - 1966 - 1968: Risposta ad una alluvione. - Oggi più domani. Resoconto. Destinazione avvenire;

Hits:Page 47
Snippet:
complementari ; verrà inoltre istituito un ufficio di vice-provveditore tedesco e previsto che nel consiglio scolastico provinciale nonché in quello di disciplina avessero diritto a sedere anche rappresentanti degli insegnatiti di lingua tedesca. Ci si veniva incontro anche in altre materie di minore im portanza. Tuttavia il nome di «Südti rol » come denominazione ufficiale ci veniva negato ». 24 gennaio, sabato « Esame della situazione durante la prima colazione in albergo. Il dottor Timi è contento del

delle nostre richieste venissero accol te. Porteremmo l'elenco delle nostre richieste nei prossimi giorni. La sera intense consultazioni tra di noi in al bergo fin dopo mezzanotte ». Dal 19 al 22 gennaio 1948 Erich Amonn e Raffeiner informano del loro colloquio con Innocenti il mi nistro Schwarzenberg (19) il quale era del parere che al punto dove si era arrivati la delegazione altoatesina dif ficilmente potrebbe sottrarsi alla richie sta della dichiarazione sollecitata per non mettere in forse

l’accoglimento dei miglioramenti auspicati. La dele gazione si mette a comporre l’elenco delle richieste raggruppandole in ri chieste essenziali e importanti. Volgger la sera del 20 parte per Bolzano, men tre la delegazione continua fino alle una di notte i colloqui con i trentini nelle persone di Elsa Conci, Carbonari, Veronesi e de Unterrichter rientrato da Trento. La sera del 21 Amonn e Raffeiner consegnano a Innocenti lo elenco ultimato delle richieste, discu tendole fino a notte avanzata. Il giorno

successivo (22) nuovo incontro con Schwarzenberg alla legazione d’Austria per informarlo dell’avvenuta consegna dell’elenco. A tarda sera altro incontro con Innocenti venuto in Albergo per parlare con Erich Amonn e Raffeiner. Scopo della visita: esame di vari argo menti, tra cui la composizione della Giunta Regionale e di quelle Provin ciali, nonché esame del futuro ordina mento elettorale e delle modalità di approvazione dei bilanci. 23 gennaio, venerdì Giornata cruciale. Dopo una mattinata

ed un pomeriggio di attesa, alle 20 in contro di Erich Amonn e Raffeiner con Innocenti. Annotazione di Raffeiner: « Innocenti ci comunicò di aver parlato con il presidente della Commissione, on.le Perassi, su tutte le richieste da noi formulate e che si era deciso di ac cettarle al 90%, tra cui - cosa per noi di grande importanza - il ritorno del l’intero Unterland ossia della Bassa Atesina, ivi compresi i comuni di Egna e di Salorno, alla provincia di Bolzano. Il problema finanziario verrà regolato in modo
1968
Animated view View list View tiles
07 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/88920/88920_11_object_5249027.png

Statuto speciale per il Trentino e Alto Adige : [legge costituzionale 26 febbraio 1948, n.5, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 62 del 13 marzo 1948].- (Pubblicazioni della Commissione Tecnica di Attuazione dell'Autonomia Regionale ; 2)

Author: Democrazia Cristiana / Commissione Tecnica di Attuazione dell'Autonomia Regionale
Publication year:1948
Place of publication:Trento
Publisher:Scuola Tip. Artigianelli
Physical description:15 S.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:g.Trentino-Südtirol ; s.Autonomie ; s.Recht ; z.Geschichte 1948 ; f.Quelle
Category: Recht, Politik
Notation:13 Ör 1 Tir - Q<br />23 Tir 8 - ST - Q
Location mark:II 137.314
IDN:88920
Notations:-

Hits:Page 11
Snippet:
assoluta dei componenti rispettivi, la promulgazione e l’eii- trata in vigore, se il Governo consente, non sono subordinate ai termini indicati. Le leggi regionali e quelle provinciali sono promulgate rispettivamente dal Presidente della Giunta regionale o dal Presidente della Giunta provinciale e so no vistate dal Commissario del Governo nella Regione. Art. nO. — Le leggi regionali e provinciali ed i regolamenti regionali e pro vinciali sono pubblicati nel Bollettino Ufficiale della Regione, nei testi

italiano e tedesco, ed entrano in vigore il quindicesimo giorno successivo a quello della lo ro pubblicazione, salvo diversa disposizione della legge. In caso di dubbi l’interpretazione delle norme ha luogo sulla bas e del testo italiano. Copia del Bollettino Ufficiale è inviata al Commissario del Governo.. Art. 51. ■— Nel Bollettino Ufficiale della Regione sono altresì pubblicati in lingua tedesca le leggi ed i decreti della Repubblica che interessano la Regione, ferma la loro entrata in vigorq. Art

. 52. — Le leggi approvate dai Consigli regionali e provinciali ed i rego lamenti emanati dalla Giunta regionale e da quelle provinciali debbono essere pubblicati, per notizia, in una sezione apposita della Gazzetta Ufficiale della Re pubblica. Art. 53, — La legge regionale regola l’esercizio deH’iniziativas .popolare e «1 referendum per le leggi regionali e provinciali. TITOLO IV Enti locali. Art. 54. — Nell’ordinamento degli enti pubblici locali sono stabilite le norme atte ad assicurare la rappresentanza

proporzionale dei groppi linguistici nei ri guardi della costituzione degli organi degli enti stessi. Art. 55. — Spetta allo Stato la disciplina dell’organizzazione e del funziona mento degli enti pubblici che svolgono la loro attività anche al di fuori del ter ritorio della Regione. » Art. 56. — L’ordinamento del presonale dei Comuni è regolato dai Comuni stessi, salva l’osservanza dei principi generali che potranno essere stabiliti d» una legge regionale!.
1948
Animated view View list View tiles
08 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/88920/88920_3_object_5249019.png

Statuto speciale per il Trentino e Alto Adige : [legge costituzionale 26 febbraio 1948, n.5, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 62 del 13 marzo 1948].- (Pubblicazioni della Commissione Tecnica di Attuazione dell'Autonomia Regionale ; 2)

Author: Democrazia Cristiana / Commissione Tecnica di Attuazione dell'Autonomia Regionale
Publication year:1948
Place of publication:Trento
Publisher:Scuola Tip. Artigianelli
Physical description:15 S.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:g.Trentino-Südtirol ; s.Autonomie ; s.Recht ; z.Geschichte 1948 ; f.Quelle
Category: Recht, Politik
Notation:13 Ör 1 Tir - Q<br />23 Tir 8 - ST - Q
Location mark:II 137.314
IDN:88920
Notations:-

Hits:Page 3
Snippet:
d> uffici statali, non hanno effetto se non due mesi dopo la pubblicazione del prov vedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione.

CAPO II. — Funzioni della Regione. , Art. 4. — In armonia con la Costituzione e i principii dell’ordinamento giu ridico dello Stato e col rispetto degli obblighi internazionali e degli interessi nazionali, nonché delle norme fondamentali delle riforme economico-sociaìi della Repubblici-V la Regione ha la potestà di emanare norme legislative sulla seguenti materie: 1) ordinàffi'éhtQ degli uffici regionali e del personale ad essi addetto; 2) ordinaménto degli enti para-regionali

; j 3) -circoscrizioni comunali; • 4) espropriazione per pubblica utilità non riguardante opere a carico del lo Stato; 1 5) viàbilifàV acquedotti e lavori pubblici di interesse regionale; 6) miniere^ comprese le acque minerali e termali, cave e torbiere; 7) impianto e tenuta dei libri fondiari; 8) servizi^ntincendi; 9) agricoltura, foreste e corpo forestale, patrimonio zootecnico ed ittico, istituti fitopaioligici, consorzi agrari e stazioni agrarie sperimentali; 10) apicoltura e parchi per la protezione della flora

e della fauna; 11) caccia c pesca; 12) assistenza sanitaria ed ospedaliera; 13) ordinamento dèlie camere di commercio; 14) comunicazioni e trasporti di interesse regionale; . 15) sviluppo della cooperazione e'vigilanza sulle cooperative; 16} contributi di miglioria in relazione ad opere pubbliche eseguite dalla Regione e dagli altri enti compresi nell’ambito del territorio .regionale; 13) turismo e .industrie alberghiere. ; Art. 5. — La Regione, nei limiti de] precedente articolo e dei principi sta

biliti dalle leggi dello Stato; emana norme legislative sulle seguenti materie : 1) ordinamento dei,comuni e delle provincie; 2) istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza; 3) incremento della produzione industriale e delle attività commerciali; 4) ordinamento degli enti di eredito fondiario, di credito agrario, cas se di risparmio e casse rurali, nonché delle aziende di credito a carattere regionale; 5) utilizzazione dellf acque pubbliche; 6) assunzione diretta di servizi di interesse
1948
Animated view View list View tiles
09 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/237750/237750_61_object_5274957.png

XX annuale dello Statuto speciale di autonomia : 16. 2. 1948 - 26. 2. 1968

Author:
Publication year:1968
Place of publication:Trento
Publisher:Pres. della Giunta, Ufficio Stampa
Physical description:getr. Zählung : Ill.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:g.Trentino-Südtirol ; s.Autonomie ; z.Geschichte 1948-1968
Category: Recht, Politik
Notation:13 Plt - Tir 20<br />23 Tir 8 - - 20
Location mark:III 7.517
IDN:237750
Notations:Aus: Aggiornamenti ; 1968, Suppl. 1-3. - Enth.: XX annuale dello Statuto speciale di autonomia. - 1966 - 1968: Risposta ad una alluvione. - Oggi più domani. Resoconto. Destinazione avvenire;

Hits:Page 61
Snippet:
di sostegno della strada statale e della ferrovia del Brennero, entrambe interrotte in più punti; danni ad Ortisei dal rio Gardena; la strada di vai d’Ega interrotta in più punti. Nei bacino del Rienza la vai Badia è sconvolta dal torrente Gàdera; rivo Anterselva danneggia strade, case e colture. Su tutti i corsi d’acqua le opere dì difesa e di imbrigliamento registrano danni sensibili. Nella zona a nord di Trento 200 barili di sodio esplo dono nella notte fra il 4 e il 5 novembre, devastando

sioni dell’argine, l'acqua allagò 3.200 ettari di frut teti e vigneti altamente specializzati ricoprendo tutto l'agro trentino e la parte nord della città, compren dente la zona industriale e quella dei magazzini commerciali. Nel bacino dell’Avisio ed in quello del Brenta l’allu vione ebbe le sue manifestazioni più drammatiche. Nel bacino di Cadino 80 mila me. di abete rosso furono travolti; a Moena e Ziano l'Avisio, rotti gli argini, ricoprì le zone già danneggiate dalla prece dente piena

dell'alluvione nella valle del Cismon: lo smottamento che ha sommerso di fango e detriti l'abitato di Mezzano, la devasta zione delle acque nella stretta che divide Mezzano- Imer da Fiera, la strada statale distrutta per lunghi tratti, frane, smottamenti. A Tonadico il torrente Canali devasta l’abitato; il rio Cereda, nella zona del passo omonimo scava un profondo e squallido vallone. Il Vanoi, ed il suo affluente della Vailetta della Svai- sera distruggono 14 case, la centrale elettrica di Caoria, strade

grandi e piccole così da isolare total mente la zona. Pesante anche il tributo di vite umane: quattro le vit time del Cismon, una a Predazzo due in valle del l’Adige, tre nella zona del Chieppena. Il bilancio ufficiale conclusivo dell’alluvione parlerà di 23 morti. Nel bacino del Sarca danni relativamente limitati: una frana, a Ches di Spiazzo, sommerge quattro case uccidendo tre degli abitanti. Nelle valli del Noce due morti a Bozzana per una frana: interruzioni stradali, smottamenti: i danni sono

. Dalle stazioni forestali tutti gli uomini disponibili sono mobilitati in un'opera spesso impari contro la furia improvvisa delle acque. I vigili del fuoco, a loro volta, si muovono per una gara di altruismo che durerà ininterrotta finché la situazione non sarà tornata normale. A Trento il corpo permanente effettua, nella giornata del 4 novembre, 62 interventi. La notte, alle 2, deve sgombrare frettolosamente la caserma di piazza Centa minacciata - e poi invasa - dalle acque. Stabilito un recapito
1968
Animated view View list View tiles
10 /tessmannDigital/presentation/media/image/Page/353736/353736_26_object_4617718.png

Guida del Museo del Risorgimento Trentino

Author: DeManincòr, Giuseppe ; Museo Trentino del Risorgimento e della Lotta per la Libertà / Giuseppe De Manicor
Publication year:1930
Place of publication:Trento
Publisher:Arti Grafiche Scotoni
Physical description:190 S. : Ill., Kt.
Type of medium:Book
Language: Italienisch
Subject heading:c.Trient / Museo Trentino del Risorgimento e della Lotta per la Libertà;f.Führer
Category: Geschichte
Notation:11 Gesch 4 Tir 19/20 O<br>23 Tir 2 T 19/20 O
Location mark:I 214.635
IDN:353736
Notations:-

Hits:Page 26
Snippet:
naie di Guerra, maggiore Pokorny, chiese al Co mando di Stazione Militare di Trento due ufficia li, avvocati di professione, quali difensori nell'im minente giudizio, (fu poi scelto fra gli auditori più miti del Tribunale il dott. Herbert Fischer) e un interprete, giacché i due prigionieri si erano ri fiutati di parlare tedesco, lingua che pure co noscevano. Furono pure fissate le ore del dibatti mento e quella di pubblicazione della sentenza, il luogo e l'ora dell'esecuzione, e le modalità

della sepoltura, «da farsi di notte». L'accusa fu assunta, con compiacimento, da un accanito nemico dei trentini, dal dott. Hans Bitschnau; la presidenza del dibattimento fu affidata al colonnello Carlo nob. von Gratzy; la direzione al primotenente dott. Carlo Issleib. E furono scelti l'ufficiale e gli otto soldati del plotone di esecuzione. Ancora quella mattina, alle 11, arrivò da Vienna il boia Lang; al la vecchia forca che già esisteva nella Fossa ne fu aggiunta il giorno dopo una nuova

, e contempora neamente iniziato lo scavo per la sepoltura delle due salme. Così, quando Fabio Filzi e Cesare Battisti, fu rono condotti, la mattina del 12 luglio, nella sala del Tribunale per essere giudicati, erano già stati condannati a morte». Cesare Battisti dichiarò fieramente: «Io sosten go di essere cittadino italiano, essendo stato nomi nato ufficiale nell'Esercito Italiano. Debbo, tutta via, ammettere di non essere stato cassato dal nes so statale austriaco. Dichiaro, inoltre, che, prima e dopo

Io scoppio della guerra con l'Italia, ho fatto la più intensa propaganda, in ogni modo, con la parola e con gli scritti, a mezzo della stampa, per la causa italiana e per l'annessione all'Italia delle
1930
Animated view View list View tiles